Home » News » Ambiente ed Ecologia » Pro Natura e i bambini del territorio: nei parchi per imparare ad orientarsi

Pro Natura e i bambini del territorio: nei parchi per imparare ad orientarsi

Per la quinta estate consecutiva l’associazione ambientalista organizza tra giugno e luglio, con il contributo della Circoscrizione, attività per ragazzi nelle aree collinari.

La Commissione congiunta Ambiente e Sport del 12 maggio è stata occasione per ascoltare la relazione del referente del progetto Paolo Morittu che ha illustrato i risultati raggiunti negli anni passati .Risultati che sono andati migliorando, sia come numero di bambini coinvolti, sia come attività proposte. Nella passata edizione 2013 i bambini sono stati circa 600 “provenienti” da ASAI, dalla parrocchia SS. Pietro e Paolo, dall’Oratorio San Luigi ,dalla Uisp, dalla Casa del Quartiere e dai Centri Estivi Comunali. Quest’anno i parchi interessati sono ancora il Valentino, il Michelotti, quello della Maddalena cui si aggiunge Villa Genero (un parco da far conoscere e valorizzare). Il punto di accoglienza rimane Cascina Bert dove i lavori di ristrutturazione sono andati avanti e perciò si sta sempre più qualificando come Centro di Educazione Ambientale di grande valore per la città. Gli obiettivi del progetto rimangono quindi quelli degli anni passati :far conoscere le aree verdi fluviali e collinari del territorio circoscrizionale, vivere i parchi come “palestre verdi” e sperimentare l’attività di orientamento. A questo proposito sono stati anche illustrati la metodologia e gli strumenti operativi (bussola, mappe, macchine fotografiche) .Come è stato ricordato l’orienteering è oggi a tutti gli effetti riconosciuto dal C.O.N.I come disciplina sportiva ed è già stato attuato recentemente, proprio con un altro progetto di Pro Natura, al Parco del Valentino con i bambini di due scuole elementari, la Pellico e la Rayneri, suscitando entusiastica partecipazione da parte loro. Anche questo progetto, che consente a bambini che non hanno magari altre possibilità di vivere l’estate all’aperto e in modo piacevolmente educativo, ha suscitato vivo interesse e condivisione da parte dei consiglieri e dei cittadini presenti .Che hanno potuto valutare la bontà di una proposta articolata su 12 giornate di 6 ore ciascuna con la presenza di un istruttore federale di orienteering e di due istruttori nella gara finale. Seguiranno i bambini un coordinatore, una guida naturalistica,un animatore di territorio (oltre all’istruttore federale di orienteering). E’ prevista la convocazione di una commissione circoscrizionale in loco durante le attività .(di Germana Buffetti)

Tags:

Sezione: Ambiente ed Ecologia

Lascia un commento