Home » News » È-vento di memoria: le quarte della D’Azeglio adottano la lapide dedicata a Bruno Caccia

È-vento di memoria: le quarte della D’Azeglio adottano la lapide dedicata a Bruno Caccia

Nel pomeriggio di venerdì 23 maggio, tre classi della scuola primaria di via Santarosa hanno visitato il luogo che ricorda il magistrato ucciso dalla ’ndrangheta 31 anni fa.

È stato bello vedere tanti bambini della scuola elementare Roberto D’Azeglio intorno alla lapide commemorativa di via Sommacampagna che ricorda il procuratore torinese ucciso nella sera del 26 giugno 1983. Un passaggio che, dopo la visita di Cascina Caccia di San Sebastiano Po, segna un’atra tappa importante del percorso di educazione alla legalità, coordinato dall’insegnante Lucia Colucci e portato avanti durante l’anno scolastico dalle classi quarte del plesso in collaborazione con le associazioni Libera e Acmos.
Il monumento è così stato adottato dalla scuola e in una domenica di maggio del 2015 gli alunni saranno protagonisti di una giornata durante la quale spiegheranno a tutti coloro che interverranno all’iniziativa l’importanza del lavoro svolto da Bruno Caccia.
Tornando al presente, ospite speciale del momento “adottivo”, la figlia del magistrato, Cristina, che commossa ha ricordato la figura del padre raccontando semplici episodi di vita quotidiana per sottolineare la normalità della persona, inflessibile però nello svolgimento del suo lavoro. Ringraziamenti ai ragazzi per l’impegno svolto sono giunti anche dal Presidente della Circoscrizione 8 Mario Cornelio Levi e dal coordinatore all’Informazione Giovanni D’Amelio.

Guarda il video dell’iniziativa: liberapiemonte.it

Tags:

Sezione: News

Lascia un commento