Home » Dal territorio » Noleggia una bici e sarai accompagnato da un racconto che ti propone un itinerario

Noleggia una bici e sarai accompagnato da un racconto che ti propone un itinerario

E’ il nuovo servizio proposto dalla Ciclofficina Artigiana di via Ormea 19. Una storia breve ricca di riflessioni e di panorami che termina con una pedalata.

Che una ciclofficina noleggi biciclette non è certamente una gran notizia, anche se la bicicletta in noleggio è accompagnata dal suggerimento di un percorso. Diventa notizia se quella bicicletta è accompagnata da un percorso ciclistico, o se preferite podistico, che nasce da un racconto. Un racconto breve e godibile che termina con una pedalata intervallata da pause di riflessione e scorci di panorami. Un’idea che potrebbe diventare qualcosa di più fruibile, potrebbe coinvolgere le altre ciclofficine o il city byke cittadino, e perché no, la rete delle biblioteche civiche cittadine. Quei racconti sono “Gli itinerari di Tito”, Tito che quando smette i panni di narratore indossa la tuta da meccanico ciclista e ritorna Fox o Giorgio, “l’intellettuale” della ciclofficina artigiana di via Ormea, dove il nostro meccanico scrittore lavora con Marco e Luca. Un trio noto nel quartiere, anche solo perché quel pezzo di marciapiede davanti alla loro bottega sovente per passarci lo deve aggirare, stanno tutti lì a chiacchierar di bici vecchie e nuove, restaurate e personalizzate e ti bloccano il passaggio. Il racconto-percorso che Tito (o Fox o Giorgio, scegliete voi il nome) ci ha dato da leggere narra di una fuga da una festa compleanno tra il grottesco e il “tamarro”; tra Sodoma e Gomorra e gli ultimi giorni di Pompei. Una fuga che porta il protagonista a scalare la collina torinese passando dal Colle della Maddalena e l’Eremo dei Camaldolesi e poi su fino a Superga. Una fuga per gambe e polmoni buoni, con le necessarie pause per tirare il fiato e meditare su cosa il ciclista in fuga aveva lasciato in città. Una lunga pedalata scollinando Torino che poi ti riporta a casa stanco, ma “con l’anima pacifica e forte delle colline e dei monti”. Alla prossima fuga tra bici e racconti.

Della ciclofficina avevamo scritto qui

Tags:

Sezione: Dal territorio, News

Lascia un commento