Home » News » Parking interrato Gran Madre: niente rampe in via Lanfranchi e via Villa della Regina

Parking interrato Gran Madre: niente rampe in via Lanfranchi e via Villa della Regina

La piazza dietro la Gran Madre

 

A Palazzo Civico si è tenuta ieri, mercoledì 26 novembre, una II commissione che ha discusso del progetto preliminare dell’opera oggetto di alcune modifiche.

Dopo l’ok della soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici e la variazione del progetto preliminare dei lavori, riparte l’iter amministrativo per la realizzazione, da parte di privati, del parking sotterraneo da 190 posti proprio sotto il Duomo della Gran Madre di Dio. Nella commissione Urbanistica ed Edilizia che si è tenuta ieri in Comune, sostanzialmente sono state illustrate le modifiche progettuali, che non prevedono più le rampe di ingresso e di uscita dal parcheggio in via Lanfranche e in via Villa della Regina, ma direttamente sulla superficie, ora parcheggio, che si estende dietro la chiesa. Inoltre è stato costituito il diritto di superficie sul sottosuolo per un importo pari a 5.980.000 euro (Iva inclusa). Presenti all’incontro anche alcuni esponenti del comitato Borgo Po, un nutrito gruppo di cittadini che da anni si battono contro la realizzazione del manufatto e che più volte hanno ribadito di appellarsi al TAR nel caso l’amministrazione comunale deliberi definitivamente sulla costruzione.

Il Progetto preliminare dell’opera – I lavori prevedono il riordino dell’intera piazza Gran Madre, con l’eliminazione dell’attuale parcheggio a raso in favore di un’area pedonale, e la costruzione di un manufatto interrato a 3 piani da 190 posti (100 a rotazione e 90 da vendere) lungo 56 metri e largo 33. Il privato che si aggiudicherà la concessione dovrà pagare al Comune il diritto di superficie sul sottosuolo per un importo di quasi 6 milioni di euro, con l’obbligo appunto di riqualificare l’area. Vista l’esiguità dei posti, dicono in Comune, l’autorimessa non provocherà un aumento dei flussi veicolari diretti verso la piazza.

Tags:

Sezione: News

Lascia un commento