Home » Dal territorio » Trebisonda, più che una libreria un luogo da partecipare

Trebisonda, più che una libreria un luogo da partecipare

Appuntamenti mensili con la lettura, corsi di lingua, incontri con la letteratura contemporanea finlandese e con la poesia. Ad aprile in via Sant’Anselmo 22 prende il via la rassegna Multiversi.

Malvina e la libreria Trebisonda

Trebisonda (in italiano anche Trapesunta, in turco Trabzon, Trebizond, in latino Trapezus, in greco Τραπεζούντα Trapezounta) è una città della Turchia, sul Mar Nero. Fu capitale di un impero e ultima città bizantina a capitolare ai turchi ottomani dopo la caduta di Costantinopoli. A San Salvario Trebisonda è una libreria e Malvina che la gestisce, non ha nessuna intenzione di capitolare ai turchi ottomani che hanno tanti scaffali. La libreria Trebisonda è diventata nel giro di pochi mesi un punto di riferimento per i residenti del quartiere che amano i libri: la trovi in via Sant’Anselmo e le sue vetrine fanno angolo con via Silvio Pellico. La gestisce Malvina Cagna: “è stato un po’ folle mettersi in quest’impresa. L’amore per i libri non basta, occorre specializzarsi e dare un’impronta originale se vuoi sopravvivere. Inutile fare concorrenza alle grandi librerie”. Infatti, alla Trebisonda l’ingresso è libero, puoi curiosare e sederti a un tavolino per assaggiare il libro che hai visto in vetrina o di cui hai sentito parlare. Malvina nella sua libreria sta dando spazio ai piccoli editori e buona parte della sua offerta è rivolta ai bambini ai quali sta dedicando molte iniziative, feste di compleanno comprese. Non solo. Dall’inizio di aprile nascerà 3bisEDU, un servizio di ricerca e vendita di libri scolastici, universitari e professionali in lingua e non.
La Trebisonda propone un ricco programma, non solo di presentazione delle ultime uscite, ma anche tematiche e legate anche al territorio che la circonda. In aprile da Malvina sarà possibile assistere all’appuntamento mensile con la lettura di un classico che Andrea Bajani dedicherà ancora alle pagine dei Racconti di Pietroburgo di Nicolaj Gogol’, partecipare al corso di portoghese o di maglia con il Circolo PicKNIT, agli appuntamenti con la letteratura contemporanea finlandese con Ulla Alasjärvi o con la poesia di Anna Lamberti-Bocconi, Sergio Atzeni, W. Szymborska e Fernando Pessoa all’interno della rassegna Multiversi. La libreria, per Malvina, è un luogo da vivere e partecipare. E noi siamo d’accordo con lei. I turchi ottomani questa volta non conquisteranno Trebisonda. (di Augusto Montaruli)

Libreria Trebisonda, via Sant’Anselmo 22 – Tel. 011.7900088 – www.trebisondalibri.com

 

Tags:

Sezione: Dal territorio

Lascia un commento