Home » News » Ambiente ed Ecologia » Frane e smottamenti, a breve in collina si farà manutenzione

Frane e smottamenti, a breve in collina si farà manutenzione

Frana al Parco Leopardi, marzo 2011 (Foto Alex Porro)

L’amministrazione centrale ha a disposizione 500 mila euro per porre rimedio a frane e smottamenti all’interno del Parco del Nobile, del Parco Leopardi e per ripristinare un tratto di viabilità nel Parco della Maddalena.

La Città di Torino intende avviare una serie di lavori di una certa importanza sul territorio collinare della Circoscrizione 8 e per questo ha chiesto un parere di merito all’ente di prossimità, che lo ha deliberato all’unanimità nel consiglio di mercoledì 4 aprile. In sostanza, si tratta, come riporta la richiesta, di interventi di riassetto idrogeologico nei parchi collinari: nello specifico sono tre lavori di manutenzione straordinaria inseriti già nel Piano triennale e finanziabili con il contributo regionale Straordinario Alluvione (l’alluvione del 2000 per intenderci). Sono poco più di 500 mila euro che servono per porre rimedio a frane e smottamenti all’interno del Parco del Nobile, del Parco Leopardi e per ripristinare un tratto di viabilità nel Parco della Maddalena. Ovviamente la Circoscrizione è ben d’accordo che si facciano questi interventi, perché la fragile situazione dell’area è già da tempo sotto gli occhi di tutti i fruitori dei suddetti parchi, nonché dei tecnici, e perciò è praticamente scontato il parere positivo che dovrà dare il consiglio. Anche perché la tipologia degli interventi è di tipo “leggero” con l’uso di materiale naturale come il legno che non deturpa il paesaggio .Come è tuttavia emerso durante la commissione sull’argomento che si è tenuta ieri lunedì 2 aprile,  ci si augura vivamente che, a fronte dei sempre più gravi problemi derivanti da un peggioramento climatico (caratterizzato da piogge improvvise e torrenziali) si trovino le risorse e le soluzioni tecniche per prevenire l’erosione e le frane sui versanti collinari già provati da tempo dalla minore cura dei boschi, dalla copertura (intombamento come viene chiamato) dei rii e dal deflusso incontrollato delle acque provenienti dalle abitazioni private. (di Germana Buffetti Commissione Ambiente)

Tags:

Sezione: Ambiente ed Ecologia

Lascia un commento