Home » News » Politica ed Amministrazione » IN CITTA’ – Contro la criminalità organizzata il Consiglio Comunale finanzia una ricerca universitaria

IN CITTA’ – Contro la criminalità organizzata il Consiglio Comunale finanzia una ricerca universitaria

L’assemblea ha approvato oggi il finanziamento di un assegno di ricerca su “Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana. Un’indagine tra gli operatori economici di Torino”.

Il progetto, voluto dalla Commissione consiliare Speciale per la promozione della cultura della legalità e del contrasto dei fenomeni mafiosi, presieduta da Roberto Tricarico, e finanziato dal Consiglio Comunale, prevede la stipula di una convenzione con il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino e la collaborazione con la Camera di Commercio di Torino. L’indagine ha l’obiettivo di rilevare comportamenti, atteggiamenti, percezioni e rappresentazioni degli operatori economici torinesi rispetto a una serie di temi in grado di evidenziare fattori di rischio e vulnerabilità connessi a eventuali infiltrazioni di tipo mafioso e alla diffusione di forme diverse di criminalità e illegalità nel tessuto economico cittadino. I risultati dell’indagine, oltre a fornire un quadro delle conoscenze e rappresentazioni relative alle mafie e ad altri fenomeni di illegalità, così come sui rischi percepiti, permetteranno di ricavare indicazioni e suggerimenti utili per programmare e mettere in atto interventi orientati a migliorare il contesto di legalità e la qualità della sicurezza urbana.

La ricerca avrà carattere esplorativo e si baserà sulla somministrazione di un questionario, definito tenendo conto delle diverse dimensioni dei fenomeni da analizzare, focalizzando l’attenzione non solo su quelle relative agli aspetti più strettamente criminali e illegali, ma anche su quelle relative alle caratteristiche sociali, economiche e culturali del contesto di riferimento. Dal punto di vista scientifico si farà riferimento al Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino, attraverso il coinvolgimento del prof. Rocco Sciarrone, docente di Sociologia, studioso dei fenomeni mafiosi, membro esterno della Commissione consiliare Antimafia in rappresentanza dell’Ateneo. Il finanziamento per attivare l’assegno di ricerca, di durata annuale, che si svilupperà nel periodo 2012/2013, è pari complessivamente a 22.947 euro. Il Consiglio comunale di Torino metterà a disposizione 11.000 euro, la Camera di Commercio di Torino 10.000 euro, l’Università degli Studi di Torino 1.947 euro..

Il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino ha pubblicato il bando per selezionare il/la ricercatore/ricercatrice, con scadenza per la presentazione delle domande di ammissione il 23 ottobre 2012 e, in data 6 novembre 2012, la Commissione giudicatrice, composta da docenti dell’Università di Torino, attraverso una valutazione comparativa delle domande pervenute, ha decretato una graduatoria di merito dalla quale è risultato assegnatario la D.ssa Ioselle Dagnes. La ricerca si colloca nell’ambito delle attività conoscitive avviate dal Gruppo di Lavoro “Racket” della Commissione Speciale, coordinato dai consiglieri Fosca Nomis e Fabrizio Ricca. Il materiale raccolto diverrà parte integrante della relazione finale che la Commissione Speciale, al termine del mandato (31 dicembre 2013), consegnerà al Consiglio Comunale di Torino.

Tags:

Sezione: Politica ed Amministrazione

Lascia un commento