Home » News » Cultura, scuola e sport » Oblivion Store: la bottega della dimenticanza di Mario Bianco in mostra con le sue opere

Oblivion Store: la bottega della dimenticanza di Mario Bianco in mostra con le sue opere

Una trentina di acquerelli realizzati dall’autore sarà esposta dal 13 marzo (alle 18 l’inaugurazione) fino al 16 aprile in via Giotto 14, presso la sede dell’associazione TeArt.

Mario Bianco

Mario Bianco è tante cose, scrittore, disegnatore, pittore e chi sa cosa altro ancora, ma chi ha avuto il piacere di condividere con lui una cena a casa di amici comuni sa che è soprattutto un bravo “raccontatore”. Mario ha, infatti, la capacità di tenerti incollato ai racconti, agli aneddoti e alle tante storie di cose e persone che sa. La sua “memoria lunga” la troviamo negli acquerelli che esporrà dal 13 marzo (alle 18:00 l’inaugurazione) e fino al 16 aprile in via Giotto 14, presso la sede dell’associazione TeArt. Siamo andati a trovare Bianco nella sua “officina” che condivide con la moglie Anna, è un luogo da visitare pieno com’è di creazioni. Mentre Mario racconta viene voglia di spulciare, sfogliare, osservare, infilarsi negli scaffali. E in fondo questo è il tema delle opere che saranno esposte. Oblivon Store, è il titolo della mostra. Sono una trentina di piccoli acquerelli che raffigurano il magazzino delle cose abbandonate, la bottega dell’oblio la definisce Mario. In realtà è un gioco della memoria, un esercizio che stimola chi osserva i dipinti a fare un viaggio nella propria memoria: ricordare un giocattolo, un oggetto, una credenza e anche un sogno o un incubo. Però con la delicatezza del disegno e la tenerezza dei colori che sfumano i contorni. Scrive Mario sulla cartolina della mostra: “Tarli, ragni, funghi, microrganismi, fermenti e spore prosperano in queste vecchie botteghe e a volte riescono a produrre, trasformare miseri avanzi in qualcosa di nuovo, gentile e luccicante. Ma sono solo fantasie…”. Ben vengano le fantasie, non è detto che rimangano tali: di qualcosa di nuovo si sente un forte bisogno. Anche solo un’emozione, quella che noi che non siamo critici d’arte o esperti del settore, ma semplici osservatori abbiamo provato nell’officina di Mario ed Anna. (di Augusto Montaruli)

Mario Bianco è pittore, narratore e poeta. Di recente pubblicazione il libro su San Salvario scritto a quattro mani con Massimo Scaglione.

Tags:

Sezione: Cultura, scuola e sport

Lascia un commento