Home » News » Ambiente ed Ecologia » Su e giù per corso Marconi: San Salvario ha mostrato il suo grande cuore ecologista

Su e giù per corso Marconi: San Salvario ha mostrato il suo grande cuore ecologista

Contro ogni aspettativa climatica, la manifestazione di ieri, promossa dall’associazione Donne per la Difesa della Società Civile, è stata un successo di pubblico. Alla Casa del Quartiere, il 5 giugno, un incontro per fare un bilancio della giornata e per parlare di verde responsabile.

Uno scorcio di San Salvario, per il concorso cortili fioriti

In tanti, ieri, hanno passeggiato per il viale di Corso Marconi, comprando fiori e piante dai vivaisti e curiosando fra i banchetti delle diverse associazioni, dall’Asai a Manzoni People, da Teart a Laqup, per citarne solo alcune. E chi avesse voluto partecipare a tutte le iniziative in programma per la seconda edizione di “San Salvario ha un cuore verde” non ce l’avrebbe fatta perché diverse erano in contemporanea e non si poteva fare altrimenti. Le visite ai cortili, per esempio, sono state molto interessanti, così come le visita al Castello del Valentino e alla chiesa di San Salvatore. Molto soddisfatte, naturalmente, le organizzatrici dell’associazione Donne per la Difesa della Società Civile. L’infaticabile Daniela Lenzi, coordinatrice e ideatrice della giornata, non è mancata un attimo percorrendo incessantemente
il viale per controllare e seguire ogni parte del programma. Ha gli occhi sfavillanti mentre ci risponde che è andato tutto benissimo e che è molto contenta. E le fanno eco Marisa Caboni che si è divisa tra lo stand del gruppo e le altre postazioni, e Natalina Areddu, entusiasta per lo spettacolo dei bambini che hanno aperto la giornata col lancio dei palloncini verdi al suono della banda. Ma anche la premiazione del balcone fiorito è stata un esperienza piacevole e lo conferma Annamaria Rolando che ha gestito, con Silvana Ranzato, il concorso che ha visto quest’anno l’esperimento di far votare i balconi dai visitatori anziché da una giuria. Giuria che non ha potuto operare a causa dei problemi tecnici legati alle piogge incessanti dei giorni scorsi. E lo dico come membro della giuria stessa. In definitiva l’anima verde del quartiere è uscita fuori trasformando, anche se solo per un giorno, quotidiani spazi urbani in accoglienti luoghi di passeggio. Il prossimo appuntamento per valutare l’iniziativa svolta è per il convegno del 5 giugno alla Casa del Quartiere alle 16,30 quando si discuterà di verde responsabile con tecnici ed esperti, presente l’assessore all’Ambiente della Città di Torino, Enzo Lavolta, che ci ha tenuto ad inserire questa giornata nel progetto di Torino Smart City. (di Germana Buffetti)

Tags:

Sezione: Ambiente ed Ecologia

Lascia un commento