Home » News » Lavoro e commercio » Coordinamento Lavoro della Circoscrizione 8: piccole strategie per favorire l’occupazione

Coordinamento Lavoro della Circoscrizione 8: piccole strategie per favorire l’occupazione

A settembre partiranno alcuni progetti legati all’avvio e alla reintroduzione alle professioni. Un risultato che l’ente di prossimità ha ottenuto investendo circa 30 mila euro e creando una rete di soggetti per stabilire una metodologia operativa di azione.

Un momento della commissione circoscrizionale

Dopo le ferie estive, in diverse attività commerciali e aziendali del territorio saranno attivate dieci borse lavoro per la durata di tre mesi. Ne beneficeranno altrettanti residenti della 8 rientranti in una strategia di ricollocazione lavorativa (sette cittadini tra i 37 e i 50 anni che causa la crisi economica hanno perso la loro occupazione) e di avvio alle professioni (tre giovani sotto i 25 anni). Ogni lavoratore percepirà 500 euro mensili, stanziati dalla Circoscrizione, con l’obiettivo di essere assunto alla fine del trimestre. Per illustrare la strada che ha portato a questo primo risultato del neonato Coordinamento del Lavoro della Circoscrizione 8, il coordinatore competente, Andrea Demasi, ha presieduto oggi pomeriggio una commissione per discutere sull’argomento. “Come ente di prossimità – ha spiegato l’esponente di giunta – in materia di lavoro abbiamo fissato la priorità di dare un aiuto agli over quarantenni, cioè a quelle persone che hanno perso un’occupazione in questo periodo di profonda difficoltà economica che tocca tante famiglie”. Un impegno partito alcuni mesi fa, stanziando in totale 30.750 euro, e che ha messo intorno ad un tavolo operatori del Progetto Marconi, dell’associazione Asai, dell’Oratorio San Luigi e del Consorzio Mestieri Kairos, con la presenza attiva del Centro per l’Impiego provinciale. Questa rete di attori ha condotto in primo luogo un’analisi del tessuto aziendale, commerciale ed artigianale dei quartieri per censirne conoscenze, esigenze e bisogni reali. Successivamente, anche tramite le segnalazioni provenienti dagli uffici dei servizi sociali di zona, si è cercato di incrociare le capacità e le esperienze lavorative delle persone per far incontrare domanda ed offerta.

“Con l’attivazione di queste borse lavoro – ha concluso Demasi – il Coordinamento ha concluso la sua prima fase progettuale, ma gli incontri del tavolo continueranno perché per noi è importante stabilire per il futuro un metodo operativo di azione”.

Tags:

Sezione: Lavoro e commercio

Lascia un commento