Home » News » Viabilità e Arredo urbano » Il cantiere per realizzare il parking Marconi potrebbe diventare realtà già in primavera

Il cantiere per realizzare il parking Marconi potrebbe diventare realtà già in primavera

I lavori se li è aggiudicati la ditta Gestinord con un intervento che prevede due piani interrati per  un totale di 227 posti. A carico del costruttore la riqualificazione della parte superficiale dell’intero viale. Il 27 settembre nuova protesta dei cittadini che si oppongono all’opera.

Una scorsa manifestazione del comutato Salviamo Corso Marconi

La corsia centrale di corso Marconi pedonalizzata e riqualificata da via Nizza a corso Massimo d’Azeglio, più un corrispettivo di un milione di euro per gli oneri di urbanizzazione. Questo il “guadagno” della Città in cambio della concessione per 99 anni del diritto di superficie da via Madama Cristina fino a corso Massimo d’Azeglio per realizzare un’autorimessa sotterranea di parcheggi pertinenziali. Questa mattina, mercoledì 4 settembre, negli uffici di Piazza San Giovanni 5 sono state aperte le due buste contenenti le offerte che hanno risposto al bando comunale indetto qualche mese fa per la costruzione del manufatto. E ad aggiudicarsi i lavori è stata la ditta Gestinord srl che ha presentato un progetto preliminare che prevede una struttura di due piani per un complessivo di 227 posti (quasi una cinquantina in più rispetto al minimo di gara). Ora naturalmente saranno esperite tutte le pratiche burocratiche per giungere al progetto esecutivo e se non ci saranno grossi intoppi si prevede l’apertura del cantiere già per la prossima primavera.

La Circoscrizione, che ha dato parere negativo alla realizzazione in questione, principalmente per il fatto che si tratta solo di parcheggi pertinenziali e non a rotazione, sarà presente in tutti i tavoli deputati a valutare l’opera e “farà sentire la propria voce se qualcosa non ci convincerà” ha sottolineato il Presidente Mario Cornelio Levi.
Chi si oppone in maniera più ferma all’autorimessa, e di conseguenza all’eliminazione dell’alberata dello storico corso di San Salvario, è il comitato spontaneo “Salviamo corso Marconi”. Il gruppo di cittadini già da tempo manifesta il proprio dissenso a questo progetto e all’attivo ha già diverse manifestazioni di civile protesta. La prossima in programma si terrà venerdì 27 settembre e come la precedente del 4 luglio si è data l’obiettivo di coinvolgere alla causa sempre più residenti. Durante l’iniziativa saranno piantati simbolicamente una decina di alberelli, negli spazi vuoti della filera centrale di corso Marconi, e continuerà la raccolta fondi per presentare ricorso al TAR contro il provvedimento. (di Giovanni D’Amelio

Tags:

Sezione: Viabilità e Arredo urbano

Lascia un commento