Home » News » Cultura, scuola e sport » La Festa della Cittadinanza, dibattiti e spettacoli per parlare dei diritti dimenticati

La Festa della Cittadinanza, dibattiti e spettacoli per parlare dei diritti dimenticati

La tre giorni è stata organizzata dalla sezione ANPI della Circoscrizione 8 con l’aiuto e la partecipazione di tante associazioni territoriali. Il Presidente Scassellati: “L’evento per il futuro può diventare un momento di ritrovo popolare di qualità e di proposta”.

Balli popolari del Sud con il gruppo Vampa de Lumera

Una porzione di quartiere, racchiusa tra il circolo Garibaldi, la piscina Parri e il Liceo Alfieri, da rivalutare e da ripensare, ha fatto da scenario alla prima Festa della Cittadinanza organizzata dall’ANPI della Otto in collaborazione con Libera Piemonte, UISP, BalonMondial, SPI CGIL, Libertà e Giustizia, Circolo PD di territorio, Coordinamento delle donne democratiche, Giovani Democratici, EQuality, Famiglie Arcobaleno e il Circolo Garibaldi che da venerdì 27 a domenica 29 settembre ha ospitato l’iniziatina dedicata ai diritti. Tre giorni anticipati da un torneo di calcio a cinque, ospitato dagli Amici del Fiume in corso Moncalieri 18, che ha visto primeggiare la squadra dell’oratorio San Luigi che ha messo in fila ASAI, BalonMOndial e il circolo PD. “Abbiamo voluto organizzare la manifestazione al Garibaldi, soprattutto davanti al circolo, all’aperto, per dimostrare la potenzialità che questo luogo ha nell’ospitare questo tipo di manifestazioni. Abbiamo proposto dibattiti e spettacolo, la Festa della cittadinanza può diventare festa di ritrovo popolare di qualità e di proposta”. Ci dice Raffaele Scassellati, Presidente della sezione ANPI di zona, soddisfatto per la riuscita della manifestazione che ha affrontato temi come lo ius soli, le questioni legate al mondo LGBT e la legalità e ha discusso di come il tema diritti possa diventare il volano di un nuovo sistema di sviluppo. I dibattiti, cui hanno partecipato ospiti come, tra gli altri, l’economista Laura Pennacchi e la referente piemontese dell’associazione Libera Maria José Fava, sono stati accompagnati da momenti di spettacolo teatrale “Spezie” con Alma Teatro e musicale con un concerto di pizzica e balli popolari del Sud con il gruppo Vampa de Lumera. Le cene popolari preparate con i prodotti di Libera insieme alla maglietta il cui disegno è stato donato da Sergio Staino sono servite a finanziare la festa.

Tags:

Sezione: Cultura, scuola e sport

Lascia un commento