Home » News » Sanità e Servizio Sociale » Il Consiglio vota un documento sul Valdese e del rischio salute per la cittadinanza assistita

Il Consiglio vota un documento sul Valdese e del rischio salute per la cittadinanza assistita

L’ordine del giorno è stato votato all’unanimità (23 presenti su 23). Il Presidente Levi ha inviato la scorsa settimana una comunicazione all’assessore regionale alla Sanità Cavallera per chiedere una nuova convocazione del tavolo istituzionale sulla struttura.

Un invito al Sindaco, nella sua qualità di massima autorità sanitaria locale, di richiedere con urgenza all’assessorato alla Sanità regionale i dati relativi ai tempi d’attesa per le patologie precedentemente curate all’Evangelico comparati con quelli pre-chiusura, in modo da poter valutare se vi siano state conseguenze per la salute della cittadinanza imputabili ai modi e ai tempi di smantellamento dell’ospedale. Questa la richiesta contenuta nell’ordine del giorno approvato questo pomeriggio dal Consiglio della Circoscrizione 8. Un atto che va ad aggiungersi
ai diversi provvedimenti messi finora in atto dalle associazioni dei pazienti in cura presso il Valdese, dai sindacati dei medici e dalla Tavola Valdese, a iniziare dal ricorso al TAR che ha ottenuto la sospensiva della chiusura dell’ospedale e la sua proroga fino al 9 ottobre.

Un documento, quello votato dall’ente di prossimità, che nasce dal fatto che in questi mesi delle 18 unità specialistiche inizialmente presenti all’interno del presidio sanitario di via Pellico la maggior parte sono state smantellate (tra cui senologia, chirurgia, neurologia, ortopedia ed oculistica) causando uno scadimento del livello delle prestazioni sanitarie erogate ed un allungamento di oltre il doppio delle liste di attesa con un conseguente rischio per la salute dei pazienti.

Nel suo intervento, il Presidente, Mario Cornelio Levi, ha velocemente ripercorso le vicende che hanno riguardato la struttura sanitaria di San Salvario, ricordando che la scorsa settimana ha scritto una lettera all’assessore regionale Ugo Cavallera per sollecitare una nuova convocazione del tavolo istituzionale sul Valdese al fine di discutere della riorganizzazione del servizio e della sua importanza funzionale per la futura Città della Salute.

 

Tags:

Sezione: Sanità e Servizio Sociale

Lascia un commento