Home » News » Sanità e Servizio Sociale » La nuova sede di CasaMorgari è diventata realtà per dare sempre più aiuto a chi è vulneranile

La nuova sede di CasaMorgari è diventata realtà per dare sempre più aiuto a chi è vulneranile

Uno spazio comune, dove chiunque può recarsi per portare le sue difficoltà, le sue fatiche, ma anche le gioie e le competenze. Ottenendo attenzione e non individualismo e competitività.

“Uno spazio dove chi è in una situazione problematica può essere accolto, ascoltato e accompagnato nella creazione di un progetto che lo aiuti a uscire dalla situazione di crisi. Dove ritrovare solidarietà, attenzione, cura, invece che individualismo e competitività. Uno spazio così non è solo di CasaMorgari, ma di tutti quelli che lo vorranno e lo manterranno vivo ogni giorno”. Con queste parole l’associazione invitava il territorio all’inaugurazione della sua sede, in via Morgari 9. E il quartiere, la Città, hanno risposto riempiendo la sala oltre le aspettative. Dopo la proiezione del video “il racconto di CasaMorgari” e l’intervento del vice sindaco Elide Tisi è stato dato spazio alle realtà che hanno contribuito alla ristrutturazione: la parrocchia Sacro Cuore di Maria e la Fraternità Monastica Apostolica, la Compagnia di San Paolo, la Fondazione Specchio dei tempi e il Fondo Gianni Fornero. Senza dimenticare coloro che hanno contribuito con importi più contenuti, ma altrettanto significativi come gli allievi della istituto Spinelli e tutti i singoli sostenitori che hanno scelto di adottare un metro quadro della struttura versando cento euro aderendo al progetto Una Casa per CasaMorgari
L’Associazione nasce con la finalità di operare a sostegno dei vulnerabili, con soggetti cioè in situazione non già compromessa, non collocabili in un area di marginalità, di degrado o di disagio conclamato, ma con persone in una situazione di equilibrio fragile. Individui e famiglie appartenenti a categorie sociali che fino a oggi si ritenevano tutelate e immuni dal rischio di divenire poveri, che pur partendo da una condizione economica decorosa, incrociano eventi esistenziali che incidono su una o più dimensioni strategiche: il reddito, il lavoro, la famiglia e la genitorialità, l’abitazione, il benessere psicofisico, la socialità e il radicamento. Eventi come la perdita del lavoro, una malattia o la nascita di un figlio, possono generare l’impossibilità di fuoriuscire dal momento di crisi, l’incapacità di sostenere e compensare la situazione il successivo precipitare in povertà. Si generano processi di rischio di indebitamento, deterioramento delle relazioni famigliari, perdita di autostima.
Sono persone e famiglie in cui la presenza di un reddito non basta più a garantire dal rischio povertà e dove l’impoverimento è vissuto come un forte e inedito trauma.
CasaMorgari nella sua nuova sede continuerà con ancora più forza ad affiancare questi soggetti, con l’obiettivo di attuare un intervento preventivo, per evitarne la caduta in povertà e al tempo stesso favorire una consapevolezza delle proprie capacità e risorse che permetta, in futuro, alle stesse persone di sostenersi da sole nelle difficoltà e di costituire risorsa per altri nella loro situazione.

Tags:

Sezione: Sanità e Servizio Sociale

Lascia un commento