Home » News » Parliamo di Europa: sul tema dell’immigrazione è intervenuto anche Don Luigi Ciotti

Parliamo di Europa: sul tema dell’immigrazione è intervenuto anche Don Luigi Ciotti

L’incontro alla Casa del Quartiere ha richiamato un pubblico numeroso ed interessato. Sempre in via Morgari, nei prossimi mesi sull’argomento sono previsti altri tre dibattiti.

Una serie di quattro appuntamenti per invitare gli elettori a riflettere su quanto sia importante partecipare alle prossime votazioni europee di maggio. L’iniziativa, promossa dall’associazione Donne per la Difesa della Società Civile, si è aperta domenica 26 gennaio con un tema attualissimo come quello dell’immigrazione Diversi i relatori intervenuti, che in sostanza hanno concordato sul fatto che questa emergenza umanitaria sia stata derubricata dai media e dalla politica solo in termini di sicurezza e come i fondi europei destinati all’accoglienza siano stati dirottati sul Ministero dell’Interno e non su quello delle Politiche Sociali. Con il risultato di essere serviti per i Cie e non per accompagnare gli immigrati. E questo con grave danno per gli enti locali che, con fatica e buona volontà hanno cercato di sopperire a tale carenza. Una denuncia sollevata dall’assessore all’Integrazione del Comune di Torino, Ilda Curti , ricordando quello che la Città ha cercato di fare , in assoluta solitudine .L’appassionato intervento di Don Ciotti , ispiratore e portavoce del grande lavoro di Libera, ha sottolineato l’importanza e il significato dell’impegno dei cittadini di Lampedusa che dimostra come sia vivo un atteggiamento di solidarietà in chi vive in prima persona il dramma degli sbarchi. E dunque come sia fondamentale che l’Italia con il voto alle elezione europee faccia sentire la sua voce a favore di politiche che puntino ad una reale e fattiva collaborazione che non lasci soli i paesi che affacciano al Mediterraneo, oramai trasformatosi in una tomba per molti che speravano di raggiungere un porto sicuro.
Altro aspetto affrontato dai relatori ha toccato le motivazioni del movimento europeista, ricordando Altiero Spinelli e il Manifesto di Ventotene, ma anche e soprattutto la valenza attuale del progetto Europa che da troppo tempo è bloccato e incapace di dare corso ad una vera unione politica . E questo malgrado l’impegno rappresentato dalle direttive e dagli stanziamenti economici che arrivano dall’Europa, la quale viene citata solo per i suoi diktat di tipo finanziario.(i conti pubblici, i debiti). Anche l’attività dei nostri eurodeputati è poco e male conosciuta dai cittadini, molti dei quali si lasciano convincere dagli argomenti antieuropeisti. Occorre dunque fare chiarezza sui molti argomenti che ci riguardano e che sono al centro del dibattito sull’Europa e sul suo destino . e che dovranno orientare il nostro voto
Il prossimo incontro è per domenica 23 febbraio, con I DIRITTI CIVILI IN ITALIA E IN EUROPA. Intervengoni: Daniele Viotti, ttivista di LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transessuali), Guido Giustetto, medico di famiglia. (di Germana Buffetti)

Tags:

Sezione: News

Lascia un commento