Home » News » Viabilità e Arredo urbano » Senso unico in via Valperga Caluso, un bilancio dopo quattro mesi dal cambio di viabilità

Senso unico in via Valperga Caluso, un bilancio dopo quattro mesi dal cambio di viabilità

Piero Zabeo, comandante dei Vigili Urbani della Circoscrizione 8

La chiusura al traffico privato in direzione del ponte di corso Sommelier non ha creato nessun grosso contraccolpo viario nella zona. Il punto con il comandante dei Vigili Urbani della 8.

“Fino ad ora abbiamo elevato qualche centinaia di contravvenzioni, ma sottolineo, però, che nei primi quindici giorni dall’entrata in vigore del divieto abbiamo svolto solo un’opera di informazione senza sanzionare nessuno”. Con Piero Zabeo, comandante della sezione territoriale di Polizia Urbana della Circoscrizione 8, abbiamo fatto un piccolo resoconto su come stanno andando le cose in via Valperga Caluso, dove dal 30 settembre scorso l’arteria stradale è percorribile per i mezzi privati solo a scendere verso il Po, mentre è rimasta invariata per i mezzi pubblici “Naturalmente – continua Zabeo – all’inizio abbiamo avuto qualche lieve criticità, ma ora la situazione si sta normalizzando e i benefici cominciano a notarsi”. Benefici in termini di migliore viabilità e di contenimento dell’inquinamento acustico ed ambientale. E diversi cittadini, soprattutto chi abita nelle vicinanze, hanno espresso il loro giudizio favorevole segnalandolo in Circoscrizione. “Tutto sommato – aggiunge il comandante – non ci sono state grosse ripercussioni sulla redistribuzione del traffico nelle vie limitrofe e le assi stradali di corso Marconi e corso Raffaello al momento non preoccupano in termini di sostenibilità viaria”.
Quindi tutto bene? Non proprio, visto che alcuni commercianti lamentano da mesi alcuni piccoli interventi sul ridimensionamento dei cordoli spartitraffico in prossimità di determinati passi carrai adibiti al carico e scarico di merce. E’ il caso del negozio di strumenti musicali Scavino che attende ancora questo intervento per rendere più agevole l’ingresso nei propri cortili dei mezzi di trasporto funzionali all’attività di vendita. Cristallizzato sembra anche il provvedimento che dovrebbe liberare a parcheggio, circa 15 posti, una piccola area ubicata all’angolo tra via Belfiore e via Principe Tommaso, interdetta in questi ultimi anni per motivi di sicurezza, ma che la questura ha recentemente dato il via libera perché non sussistono più elementi di pericolosità. (di G. D’A.)

Tags:

Sezione: Viabilità e Arredo urbano

Lascia un commento